Le voci “settarie” di G.M. Nicolai