Inaspettati percorsi di parole dell’informatica: da migrazione a open source