Il "mito" di Tommaso Ferrando nella storiografia dei sec. XVIII-XX