Salutati con Dante, Petrarca e Boccaccio difeso da Domenico da Prato contro l’estremismo umanistico