Per un supplemento d’indagine:la forza deterritorializzante del video