"Ah Ferrara!". In margine al Dio ortopedico di Roberto Longhi