Presenti a se stessi. La centralità della coscienza in Locke