Come l’arte gioca (anche) con la verità