Le navi della Serenissima. La “galea” di Lazise