“Le parole sono femmine, i fatti sono maschi”: stereotipi e discriminazione nella lessicografia italiana