Quello che facevo prima, quello che faccio oggi. Donne di montagna tra perdite materiali e perdite simboliche