Il diario di prigionia di Giani Stuparich. Prime considerazioni