Giovani di poche speranze: Pietro Germi nel secondo dopoguerra