Una "coscienza esasperata": arte, natura e storia in Giovanni Pellis