Da "Inventario" a "Le talpe": sulla poetica di Günter Eich