“Uno, nessuno e centomila”. L’uso del corpo nella propaganda della Grande Guerra