L’articolo rivela la cospicua consistenza archivistica dei libri di conto delle pievi e parrocchie friulane nel tardo medioevo. Essi vengono interpretati alla luce di una più ampia documentazione amministrativa, che va dagli obituari (catapan), ai rotoli dei censi e degli affitti, ai verbali processuali o di visite pastorali. Tali documenti permettono di gettare uno sguardo sulla quotidianità di molte comunità parrocchiali, ma lasciano anche intuire una peculiarità delle chiese secolari friulane, nelle quali la presenza attiva dei laici risultava fondamentale, sia per la gestione del patrimonio, sia come sostegno alle attività liturgico-commemorative e assistenziali.

I conti in ordine. Primi approcci per una ricognizione e una interpretazione dei libri contabili di pievi e parrocchie friulane (XIV-XV secolo)

TILATTI, Andrea
2017

Abstract

L’articolo rivela la cospicua consistenza archivistica dei libri di conto delle pievi e parrocchie friulane nel tardo medioevo. Essi vengono interpretati alla luce di una più ampia documentazione amministrativa, che va dagli obituari (catapan), ai rotoli dei censi e degli affitti, ai verbali processuali o di visite pastorali. Tali documenti permettono di gettare uno sguardo sulla quotidianità di molte comunità parrocchiali, ma lasciano anche intuire una peculiarità delle chiese secolari friulane, nelle quali la presenza attiva dei laici risultava fondamentale, sia per la gestione del patrimonio, sia come sostegno alle attività liturgico-commemorative e assistenziali.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11390/1105240
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact