Ceramica italiota e iconografie ‘tragiche’: una chiave di lettura