"Il Super8, il video analogico e i fantasmi della memoria"