Libertà, sicurezza e tumulti: Machiavelli e la 'corruzione' di Firenze