Il senso dello sport tra fragilità e mito della perfezione