La critica di Cornelio Fabro ad Emanuele Severino (e alle sue «radici milanesi»)