L’archeologia ferita a Palmira e la distruzione della memoria dell’uomo in Siria e Iraq