Agire in un’area di frontiera, come incoraggiano i progetti volti a promuovere la cooperazione tra gli Stati membri d’Europa in cui le barriere si moltiplicano, sollecita oggi un ripensamento sulle accezioni dei termini confine, luogo, differenza, identità, tradizione. Tale riflessione investe il nostro modo di pensare ed approcciare i problemi, con ricadute dirette sul fronte della disciplina del restauro. Il programma Interreg Italia-Slovenia ha fornito l'opportunità di confronto su tali temi, ponendo a confronto approcci e visioni diverse. In concreto, nell’ambito del progetto di restauro di un edificio storico situato al confine tra Italia e Slovenia studenti e operatori, provenienti da Italia e Slovenia, hanno avuto modo di confrontarsi attivamente sui temi della tradizione, l’identità, le differenze culturali. Tale riflessione è maturata nell’ambito della messa a punto del progetto, condiviso, di conservazione e riuso di tale edificio destinato a piccolo museo della vita di campagna, effettivamente realizzato. L’esperienza si è tradotta un autentico scambio e confronto centrato sull’identificazione, condivisa, dei valori della tradizione da salvaguardare. Di ciò dà conto il saggio che documenta le fasi progettuali e ideative del programma Interreg-Italia Slovenia alle quali chi scrive ha preso parte attiva.

Confini, diversità/identità, restauro. Ricerca e didattica in una esperienza di frontiera

A. Biasi
2017

Abstract

Agire in un’area di frontiera, come incoraggiano i progetti volti a promuovere la cooperazione tra gli Stati membri d’Europa in cui le barriere si moltiplicano, sollecita oggi un ripensamento sulle accezioni dei termini confine, luogo, differenza, identità, tradizione. Tale riflessione investe il nostro modo di pensare ed approcciare i problemi, con ricadute dirette sul fronte della disciplina del restauro. Il programma Interreg Italia-Slovenia ha fornito l'opportunità di confronto su tali temi, ponendo a confronto approcci e visioni diverse. In concreto, nell’ambito del progetto di restauro di un edificio storico situato al confine tra Italia e Slovenia studenti e operatori, provenienti da Italia e Slovenia, hanno avuto modo di confrontarsi attivamente sui temi della tradizione, l’identità, le differenze culturali. Tale riflessione è maturata nell’ambito della messa a punto del progetto, condiviso, di conservazione e riuso di tale edificio destinato a piccolo museo della vita di campagna, effettivamente realizzato. L’esperienza si è tradotta un autentico scambio e confronto centrato sull’identificazione, condivisa, dei valori della tradizione da salvaguardare. Di ciò dà conto il saggio che documenta le fasi progettuali e ideative del programma Interreg-Italia Slovenia alle quali chi scrive ha preso parte attiva.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Biasi_RicRes_969-977.pdf

non disponibili

Descrizione: Copertina, colophon, indice e articolo
Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Non pubblico
Dimensione 3.12 MB
Formato Adobe PDF
3.12 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11390/1127686
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact