Harold Rosenberg: oggetto ansioso e sdefinizione dell’arte