Paola Barocchi e l'"elaborazione automatica"