Il volume traccia la storia della statua loricata di tipo ellenistico dall’età di Alessandro Magno a quella antonina. La prima parte esamina i tipi di loricati impiegati dal IV sec. a.C. all’età giulio-claudia, soffermandosi sulla sostituzione del loricato classico con quello ‘ellenistico’ con corsetto cilindrico, lo stesso usato da Alessandro in battaglia, e poi sul recupero consapevole del primo, ormai ‘classicistico’, in età augustea. La seconda parte analizza le statue con corazze di tipo ellenistico a partire dalla seconda metà del I sec. a.C. fino alla fine del II sec. d.C., cercando di ricostruire, se possibile, circostanze e motivazioni delle singole dediche. La distinzione tra loricati con corazza ‘da campo’ e ‘da parata’ e la trasformazione dei secondi in un vero e proprio medium figurativo che adottava un repertorio generico ma significativo di immagini in linea con la propaganda imperiale contemporanea, permetteva ai committenti di scegliere spesso tipo di loricato e decorazione della corazza in funzione dell’onorato e delle ragioni della dedica. Questo sistema durò dall’età augustea a quella adrianea, quando la varietà di loricati si ridusse a pochi modelli e il repertorio figurativo introdotto in età augustea fu di fatto abbandonato.

La corazza di Alessandro. Loricati di tipo ellenistico dal IV sec. a.C. al II d.C.

Cadario, Matteo
2004

Abstract

Il volume traccia la storia della statua loricata di tipo ellenistico dall’età di Alessandro Magno a quella antonina. La prima parte esamina i tipi di loricati impiegati dal IV sec. a.C. all’età giulio-claudia, soffermandosi sulla sostituzione del loricato classico con quello ‘ellenistico’ con corsetto cilindrico, lo stesso usato da Alessandro in battaglia, e poi sul recupero consapevole del primo, ormai ‘classicistico’, in età augustea. La seconda parte analizza le statue con corazze di tipo ellenistico a partire dalla seconda metà del I sec. a.C. fino alla fine del II sec. d.C., cercando di ricostruire, se possibile, circostanze e motivazioni delle singole dediche. La distinzione tra loricati con corazza ‘da campo’ e ‘da parata’ e la trasformazione dei secondi in un vero e proprio medium figurativo che adottava un repertorio generico ma significativo di immagini in linea con la propaganda imperiale contemporanea, permetteva ai committenti di scegliere spesso tipo di loricato e decorazione della corazza in funzione dell’onorato e delle ragioni della dedica. Questo sistema durò dall’età augustea a quella adrianea, quando la varietà di loricati si ridusse a pochi modelli e il repertorio figurativo introdotto in età augustea fu di fatto abbandonato.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
cadario corazza alessandro.pdf

non disponibili

Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Non pubblico
Dimensione 22.89 MB
Formato Adobe PDF
22.89 MB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11390/1148873
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact