Una conversazione con Jorge Semprún. Autotraduzione, ricordi e modi di riscriversi