Usando i libri di conto dei camerari della pieve di Santa Maria di Gemona, si ricostruisce la struttura, le modalità operative e le dimensioni dell'assistenza ai poveri (anche temporanei) nella cittadina pedemontana friulana tra Tre e Quattrocento. Si evince una attenta consapevolezza dei bisogni degli appartenenti alla comunità, anche mediante una amministrazione pubblica che si dotava di strumenti scritti di controllo e di memoria, ma anche una apertura alle necessità di estranei.

Amore Dei. Alcune note sulla “previdenza sociale” a Gemona del Friuli nel Trecento

ANDREA TILATTI
2019

Abstract

Usando i libri di conto dei camerari della pieve di Santa Maria di Gemona, si ricostruisce la struttura, le modalità operative e le dimensioni dell'assistenza ai poveri (anche temporanei) nella cittadina pedemontana friulana tra Tre e Quattrocento. Si evince una attenta consapevolezza dei bisogni degli appartenenti alla comunità, anche mediante una amministrazione pubblica che si dotava di strumenti scritti di controllo e di memoria, ma anche una apertura alle necessità di estranei.
File in questo prodotto:
File Dimensione Formato  
Tilatti-Misc.-Paolini.pdf

non disponibili

Descrizione: Articolo
Tipologia: Versione Editoriale (PDF)
Licenza: Non pubblico
Dimensione 138.31 kB
Formato Adobe PDF
138.31 kB Adobe PDF   Visualizza/Apri   Richiedi una copia

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11390/1173177
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact