Lettera aperta a Sasza Naumow sulla filologia e la tradizione