Dopo aver ricostruito, per quanto le fonti consentano di fare, i vari soggiorni di Luigi Pulci a Milano e le sue relazioni con l'ambiente milanese, che ebbero significativi riverberi sulla sua opera letteraria, il saggio si concentra su altri personaggi, strettamente collegati all'autore del Morgante, che in quegli stessi anni frequentavano assiduamente la corte sforzesca. Anche le testimonianze di Piero Vespucci, Benedetto Dei e Giovanni Ridolfi, infatti, contribuiscono a delineare un ritratto della città di Milano e della sua corte come poteva apparire agli occhi dei visitatori fiorentini dell'epoca.

«El si butta per zerto un bel poltron»: Luigi Pulci a Milano

DECARIA A
2021

Abstract

Dopo aver ricostruito, per quanto le fonti consentano di fare, i vari soggiorni di Luigi Pulci a Milano e le sue relazioni con l'ambiente milanese, che ebbero significativi riverberi sulla sua opera letteraria, il saggio si concentra su altri personaggi, strettamente collegati all'autore del Morgante, che in quegli stessi anni frequentavano assiduamente la corte sforzesca. Anche le testimonianze di Piero Vespucci, Benedetto Dei e Giovanni Ridolfi, infatti, contribuiscono a delineare un ritratto della città di Milano e della sua corte come poteva apparire agli occhi dei visitatori fiorentini dell'epoca.
File in questo prodotto:
Non ci sono file associati a questo prodotto.

I documenti in IRIS sono protetti da copyright e tutti i diritti sono riservati, salvo diversa indicazione.

Utilizza questo identificativo per citare o creare un link a questo documento: http://hdl.handle.net/11390/1211556
Citazioni
  • ???jsp.display-item.citation.pmc??? ND
  • Scopus ND
  • ???jsp.display-item.citation.isi??? ND
social impact