Il ciborio di Arnolfo a Santa Cecilia: una nota sul suo stato originario e sulla sua committenza