Roma e/o Mosca? Il fascismo di fronte allo specchio