Tiziano, gli Asburgo e la Corte di Spagna