Gli aspiranti auditori della Rota di Bologna nel XVIII secolo. Considerazioni quantitative