Il divieto di «arbitrarie categorizzazioni» dei magistrati nella giurisprudenza della Corte