I “nuovi demoni”, o sulla riaffermazione della società civile