Contro le “frontiere di silenzio”. Lo sconfinare come nuovo paradigma