Ruskin didatta. Il disegno tra disciplina e diletto