Ovidio, I cosmetici delle donne, a c. di G. Rosati