«Riflessioni sopra la divina tradduzione del libro X della Tebaide di Stazio», di anonimo bolognese