La scrittura della marginalità: “Extraño oficio” di Syria Poletti