Sull’impiego di elementi monolateri nei metodi agli elementi finiti: un esempio