I confini metrici del testo. Sull'endecasillabo sciolto nel Cinquecento