Dalla filologia classica alla linguistica: il caso di contaminazione