Povertà e minimo vitale: approccio soggettivo