Fattori senza colore: la fortuna primonovecentesca di disegni e incisioni