Da "Cronaca di un amore" a "Amore in città": Antonioni e il neorealismo