Sull'accezione del termine "gergo"