Astrazione e romanticismo. Walter Ruttmann e la mobilità del moderno